Gennaio 2015


01.Gennaio

CalendarioGennaio | Febbraio | Marzo | Aprile | Maggio | Giugno | Luglio | Agosto | Settembre | Ottobre | Novembre | Dicembre

 

Caduta del Muro di Berlino

Il 9 novembre 1989 è ufficialmente ricordato per la caduta del Muro di Berlino, uno dei principali eventi storici del Novecento. Fu esattamente 25 anni fa che essa mise fine alla divisione tra Germania Est e Germania Ovest. Considerato come cortina di ferro tra la zona d’influenza statunitense e quella sovietica durante la guerra fredda, dal punto di vista propagandistico il muro fu anche il simbolo della dittatura stalinista: ben 138 vittime furono uccise, sotto gli occhi dei media, mentre tentavano di oltrepassare il confine.

In quei giorni è stato rilevante l’impegno della Chiesa luterana, unico spazio di relativa libertà nella DDR, sono da ricordare le settimanali “Preghiere per la Pace” iniziate nella Nikolaikirche di Lipsia, cui spesso seguivano le prime manifestazioni contro il regime. Ma decisivi per gli eventi che portarono alla caduta del muro e alla riunificazione della Germania furono due fattori: l’arrivo di Michail Gorbacev come leader dell’Unione Sovietica e le crescenti difficoltà politiche ed economiche dei paesi dell’est e specialmente della DDR. La “Perestroika”, cioè la radicale trasformazione della politica e della economia russe e la “Glasnost” (trasparenza politica) furono determinanti come manovre di cambiamento nonviolento, tanto che lo stesso Gorbacev fu insignito nel 1990 del premio Nobel per la Pace. Fu Papa Giovanni Paolo II a riconoscere l’efficacia della nonviolenza nella distruzione del muro e del ritorno alla libertà dell’Europa orientale: «Alla caduta di un simile “blocco” o impero, si arriva quasi dappertutto mediante una lotta pacifica, che fa uso delle sole armi della verità e della giustizia… Sembrava che l’ordine europeo, uscito dalla Seconda Guerra Mondiale e consacrato dagli Accordi di Yalta, potesse essere scosso soltanto da un’altra guerra. È stato, invece, superato dall’impegno nonviolento di uomini che, mentre si sono sempre rifiutati di cedere al potere della forza, hanno saputo trovare di volta in volta forme efficaci per rendere testimonianza alla verità… Che gli uomini imparino a lottare per la giustizia senza violenza, rinunciando alla guerra nelle controversie internazionali!» (Centesimus Annus, n. 23, 1991).

youtube-logo

 

 

mauerfall history

muro
 wikipedia-logo 

Il muro di Berlino