Palermo: marcia delle donne e degli uomini scalzi


  • scalzi

    clicca per il video

    11990469_10153154781285735_8485206146502731102_n

    clicca per il video

    Palermo aderisce alla “Marcia delle donne e degli uomini scalzi” promuovendo, giovedì 10 settembre, una manifestazione di solidarietà ai popoli migranti

Canali umanitari subito.
Palermo accoglie.
Contro i muri d’Europa.

 

Palermo sostiene l’appello di Venezia e giovedì 10 settembre, in anticipo sugli eventi promossi dalle altre città italiane, aderisce alla “Marcia delle donne e degli uomini scalzi” promuovendo una manifestazione di solidarietà ai popoli migranti che abbraccia tutta la nazione. Non è un semplice raduno: il capoluogo siciliano accoglierà quanti hanno deciso di schierarsi pubblicamente in sostegno dei rifugiati e dei richiedenti asilo vittime dei trafficanti, delle atrocità dei centri di detenzione e delle politiche migratorie focalizzate più sulla difesa dei confini che sulle vite umane.

Alla marcia, lanciata da personalità del mondo dello spettacolo, della cultura e del giornalismo, stanno aderendo numerose altre associazioni e tante realtà della società civile italiana che si occupano dei diritti dei migranti, dei rifugiati e dei richiedenti asilo. Tutti i fiirmatari della manifestazione sono accomunati da un sentimento di solidarietà e da una prospettiva di pace e di convivenza. Vi sono idee in parte differenti sugli strumenti e le strategie. E per questa ragione, pubblichiamo i documenti appello degli “Scalzi” e del Forum Antirazzista di Palermo. Siamo convinti che si può e si deve camminare insieme.

Giovedì 10 settembre alle ore 19 da piazza Verdi, di fronte il Teatro Massimo, partirà una marcia a piedi nudi che condurrà fino al Porto di Palermo, in segno di solidarietà e di umiltà nei confronti di chi giunge lungo le coste siciliane denudato anche dei propri sogni e delle proprie speranze. Perché la migrazione richiede esattamente questo: spogliarsi della propria identità sperando di trovarne un’altra. Abbandonare tutto, mettere il proprio corpo e quello dei propri figli su un barcone e sperare che arrivi integro al di là, in un ignoto che respinge, ma di cui si ha bisogno.

Le ragioni dei migranti passano di bocca in bocca attraverso mille distorsioni ma è incivile e disumano non ascoltarle. È proprio in questo momento storico che si decide cosa sarà del mondo in cui vivremo e per affrontare i cambiamenti epocali della storia è necessario avere una posizione, sapere quali sono le priorità per poter prendere delle scelte. Noi stiamo dalla parte degli scalzi. Dalle parte di chi ha bisogno di mettere il proprio corpo in pericolo per poter sperare di vivere o di sopravvivere. E dalla parte di chi non ha paura di accogliere.

11998858_10206608189877624_1539310897442679816_n

11986467_10207600369908169_4656285626299121048_n
image-3
11665415_10207600372228227_162475331459327352_n
image
  • 12009748_10207600160542935_7052844526610700524_n
  • 11222004_10207600368508134_5074127591002309828_n

image-1

 

11990404_10207608097901364_5149431140774801256_n

12006076_10207600372508234_5488570636534082920_n

12009568_10207600223944520_5790014732544816256_n

11988381_878992312196997_6231610027169053257_n

marcia scalzi-2